Biblioteca

La biblioteca del Conservatorio di Musica “L. Canepa” di Sassari è una biblioteca di istituto specializzata nel settore musicale e musicologico. Unica biblioteca musicale della Sardegna centro-settentrionale, aderisce al Servizio bibliotecario nazionale (SBN) attraverso la Rete bibliotecaria di Sardegna, effettuando anche il servizio al pubblico esterno nel rispetto delle priorità previste dalle sue peculiari finalità istituzionali.

Istituita nel 1968 con la trasformazione del Liceo musicale in Conservatorio di musica statale, sotto la guida dell’etnomusicologo Pietro Sassu – suo primo direttore – vede sviluppare in modo consistente il nucleo iniziale derivante dall’archivio musicale del Civico Istituto Musicale fondato da Luigi Canepa nel 1880 e poi passato al Liceo musicale. Il suo patrimonio attuale di 21.500 unità bibliografiche è il risultato di una politica di acquisti perseguita in modo sistematico e coerente, grazie ai contributi erogati dal Ministero della Pubblica Istruzione e, più recentemente, dalla Regione Sardegna e anche dalla Fondazione Banco di Sardegna.

Tale patrimonio comprende:

  • oltre 16.000 edizioni musicali, tra le quali numerose collezioni di monumenti musicali e opera omnia;
  • circa 3.000 testi di letteratura musicale, tra i quali anche i maggiori strumenti nazionali e internazionali di ricerca musicologica;
  • dizionari e opere di consultazione di argomento generale; testi di letteratura e teatro; testi di storia e letteratura sarda;
  • circa 2.000 registrazioni sonore (dischi in vinile dalla particolare importanza storica e CD di musica classica, jazz ed etnica, con particolare attenzione al patrimonio etnomusicale sardo);
  • repertori bibliografici su supporto informatico (CD-rom NISC: Répertoire Internationale de la Littérature Musicale).

Benché di istituzione relativamente recente, la biblioteca possiede anche alcuni fondi antichi, quali il nucleo costitutivo di musica a stampa e manoscritti risalente alla fine dell’Ottocento e altre raccolte confluite attraverso donazioni di musicisti e musicofili sassaresi. Oltre al fondo Canepa, comprendente gli autografi e la musica a stampa del musicista, figurano i fondi Maria Carta Angioni Garau, Bianchini, Farris, Fenu-Montanari, Pilo-De Carolis e Strinna (alcuni dei quali comprendono, oltre ad edizioni musicali, numerosi dischi in vinile e libri di letteratura musicale ormai fuori commercio).

La biblioteca è abbonata ad una cinquantina di periodici di musicologia e d’informazione musicale e discografica.

L’avvio dell’informatizzazione, resa possibile grazie anche al contributo dell’IMAIE e della Fondazione Banco di Sardegna, con il passaggio dal catalogo cartaceo a quello elettronico accessibile a tutti da Internet tramite il collegamento all’Opac dell’Indice SBN (http://opac.sbn.it/) e all’Opac della Rete bibliotecaria di Sardegna (http://opac.regione.sardegna.it/sebina/opac/ase), consente l’espletamento di ogni funzione attraverso il software Sebina/Indice, compreso il prestito interbibliotecario in collaborazione con tutte le biblioteche del Servizio bibliotecario nazionale.

Presso la biblioteca è attiva la convenzione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri, Ufficio Nazionale per il Servizio Civile, per l’impiego di obiettori di coscienza in servizio civile in progetti specifici. Data la corrispondenza tra i propri fini istituzionali e le finalità previste dall’art. 1, punto d (salvaguardia e tutela del patrimonio artistico e musicale della Nazione) della legge 6 marzo 2001, n. 64 Istituzione del servizio civile nazionale, il 31/12/2003 il Conservatorio ha presentato domanda di accreditamento quale ente di servizio civile nazionale di IV classe, per l’impiego di volontari in servizio civile presso la biblioteca, secondo le indicazioni fornite sul sito:http://www.serviziocivile.it

ritorna in alto