CARBONI MASSIMO

Solista presente nelle front-lines di una miriade di formazioni e progetti musicali di rilevo, ha al suo attivo centinaia di esibizioni in concerto, in festival e rassegne internazionali e diversi tour all’estero.

Nel corso degli anni ha avuto la occasione di suonare, tra gli altri, con Tom Harrell, Carla Bley, Bob Mintzer, Billy Cobham, Steve Swallow, Paolo Fresu, Joseph Jarman, Roscoe Mitchell, Tim Hagans, Maria Pia De Vito, Norma Winstone, Colin Towns, Andy Sheppard, Fabrizio Bosso, Furio di Castri, Giorgio Gaslini, Richard Galliano, Perico Sambeat, Claudio Fasoli, Bruno Tommaso, Eric Vloeimans, Dave Holland, Dario Deidda, Flavio Boltro, Dado Moroni, Maurizio Giammarco, David Linx, Antonello Salis, Tom Kirkpatrick, Tino Tracanna, Franco Cerri, Stefano Cerri, Roberto Gatto, Alessandro di Liberto, Luca Mannutza, Ettore Fioravanti, Roberto Cipelli, Steve Grossman, Giulio Capiozzo, Mario Raja, Rita Marcotulli, Marco Tamburini, Riccardo Zegna, Paolino Dalla Porta, Mario Corvini.

Ha iniziato la sua attività concertistica verso la seconda metà degli anni ’80 collaborando con i migliori musicisti ed ensemble jazz della Sardegna: tra questi la “D.D.Band” (terzo premio a Forlì Jazz 1988 con cui registra “Tangos de la tardor”, LMJ 1988), “Metrò” (primo premio al Festival S.Anna Arresi nel 1987 con cui registra “Presage”, LMJ 1988), “Sardegna oltre il mare” di Paolo Carrus (con cui registra il cd omonimo nel 1992 e “Odras”, Splasch 1998), “Scrusciuscatalasciu” (formazione vincitrice del primo premio Posada Jazz 1995 con cui registra “Burrum Ballad”, Splasch 1996)

Dal 1991 è il primo sax tenore/solista della “Orchestra Jazz della Sardegna”. L’ensemble, che ha al suo attivo centinaia di concerti e alcuni tour all’estero, ha pubblicato numerosi lavori discografici tra cui Scrivere in Jazz (1996, Flex), Porgy and Bess (con Paolo Fresu, ADR 1999/2004), Sacred Concert-Jazz Te Deum (con Giorgio Gaslini, Soul Note 2000), Il brutto anatroccolo (con Giorgio Gaslini, Manifesto 2005), Blau (Wide Sound, 2004), About Mozart (con Polifonica S.Cecilia, 2006), Agora Tà (con Paolo Silvestri e Barbara Casini, Via Veneto 2012), “OJS plays James Taylor” (feat. David Linx, JazzOp 2016).

Del novembre 2016 è infine la pubblicazione del CD “I solisti dell’OJS”, registrato dal vivo negli studi RAI di Roma da un ensemble guidato da Bruno Tommaso, autore e arrangiatore delle musiche.

Con il “Woodstore Quintet” (gruppo vincitore del primo premio Barga Jazz 2001) pubblica “Distanza” (Splasch, 2002), “41st Parallel” (Nagel Heyer Records, 2005) lavoro discografico con Tim Hagans e Maria Pia De Vito selezionato tra i migliori albums del 2006 dall’inglese “Independent” e infine “Playmakers” (Picanto Records, 2010) con Paolo Fresu.

Al sax alto nell’ensemble del progetto “Birth of the Cool”, si esibisce in vari festival jazz italiani (tra i quali Ravenna e Vicenza) e registra un cd omonimo pubblicato da “Musica Jazz” nel 2012 (con Paolo Fresu)

Nel 2010 costituisce, assieme a Sid Hille, Tero Saarti, Paolo Spanu e Gianni Filindeu, il quintetto Italo-Finlandese “InFinIta”. La formazione registra nel 2013 a Helsinki il lavoro discografico “Time Continuum” (SatnaMusic) e si esibisce più volte all’estero.

Il quartetto “Four and More” (Massimo Carboni, Alessandro Di Liberto, Nicola Muresu, Paolo Sechi) nasce nel 2015 ed è la sua più recente formazione stabile.

Operando in ambiti extra-jazz ha collaborato a lungo con la “Orquesta Havana Club” e partecipato ad alcuni tour nell’ambito della musica leggera. Attivo anche in studio di registrazione, ha collaborato, tra gli altri, alla registrazione di lavori discografici per Piero Marras, Tazenda, Rossella Faa, Andrea Cutri.

Appare in numerosi lavori discografici in diversi ambiti musicali e con svariati organici (dal duo fino alle formazioni orchestrali).

Dal 2003 svolge attività di insegnamento ai seminari Nuoro Jazz. Ha inoltre tenuto corsi in seminari jazz, scuole di musica e insegnato musica d’insieme e sassofono jazz nel Conservatorio di Sassari.

Altri insegnanti di: ritorna in alto